Buon anno 2022

Cari Soci,

per questo saluto di fine anno, voglio parlarvi principalmente di obiettivi realizzati e condividere insieme a tutti Voi i traguardi che le nostre aziende hanno raggiunto, di progetti in corso e dei dee innovative a cui gli associati ad ACMI hanno saputo dar forma.

Voglio porre l’attenzione sugli aspetti positivi che hanno caratterizzato questi ultimi 365 giorni – perché quelli negativi li conosciamo già. Sappiamo bene che gli ultimi due anni sono stati difficili per tutti, dal punto di vista professionale e personale, ma è proprio quando le difficoltà aumentano e gli ostacoli sembrano insormontabili che siamo capaci di tirar fuori il meglio di noi stessi: questo lungo periodo, che ci ha messo a dura prova, ha scatenato una reazione positiva, ha aumentato la nostra grinta e quel senso di rivalsa nei confronti del fato, del caso. Cari colleghi, la sfortuna non esiste: esiste la vita con i suoi imprevisti ed esiste la nostra forza, la nostra intelligenza nel trovare la strategia giusta per affrontarli e superarli.

Nel 2021 il nostro settore ha vissuto una buona ripresa perché noi – imprenditori e professionisti – abbiamo dimostrato, con la nostra tenacia, l’entusiasmo e il coraggio, di essere capaci di trovare soluzioni, di poter cambiare il flusso della storia e scriverla come meglio crediamo e possiamo.

Non ci ha spaventato l’aumento dei costi delle materie prime e non ci spaventerà l’effetto che avrà l’aumento dei costi energetici: abbiamo affrontato crisi di mercato anche più gravi. Il 2021, l’anno della transizione, lascia il posto all’anno della dimostrazione e della conferma delle nostre capacità imprenditoriali.

ACMI è cresciuta in numero di soci, aprendosi al mondo delle Porte Pedonali Automatiche e degli Installatori e Manutentori dei nostri prodotti.

Il 2021 ci ha visto protagonisti nelle relazioni Istituzionali con MAECI ed ICE per il supporto all’export dei nostri Soci; con il Corpo Nazionale dei VV.F. per la redazione e monitoraggio della Circolare al Decreto Controlli; con UNI per la proposta di progetto di norma sulla qualifica degli installatori e manutentori di Chiusure Tecniche e con il CEN, dove abbiamo inserito i nostri responsabili tecnici, quali esperti nazionali per la revisione delle norme Europee di nostro interesse.

Al contempo, le circostanze straordinarie che abbiamo vissuto, hanno interferito con le nostre attività, allentando gli interscambi relazionali a cui siamo sempre stati avvezzi; per questo motivo il Consiglio Direttivo ha approvato l’investimento per la creazione di una Segreteria autonoma, che vedrà la luce nei prossimi mesi, come integrazione attiva e azione concreta per migliorare la comunicazione tra i soci. Nel 2022, inoltre, ricorre il decennale della fondazione della “nuova” ACMI: ci auguriamo di poter festeggiare insieme, in presenza, questa ricorrenza agli inizi dell’estate.

Concludo, ricordando che il 2021 è stato l’anno dedicato a Dante Alighieri, con la citazione del XXXIV canto dell’Inferno:

“Salimmo su, el primo ed io secondo,
tanto ch’ì’ vidi de le cose belle
che porta ’l ciel, per un pertugio tondo.
E quindi uscimmo a riveder le stelle

Un augurio che io, in qualità di Presidente, e tutti i colleghi del Direttivo, ci proponiamo di aiutare ad avverarsi per far sì che tutte le aziende ACMI ottengano risultati sempre migliori.

Buon Anno a tutti!

Nicola Fornarelli (Presidente ACMI)